HOME

„Der Zweifel ist der Beginn der Wissenschaft. Wer nichts anzweifelt, prüft nichts. Wer nichts prüft, entdeckt nichts. Wer nichts entdeckt, ist blind und bleibt blind.“ (Teilhard de Chardin, 1881-1955, frz. Theologe, Paläontologe u. Philosoph)

Obbligo scolastico e libertà di scelta in Germania e Italia, Working-Paper

di Mathilde Grünfelder/Klaus Füßer

Aggiornato il 19. Dicembre 2014

 

A motivo dei fenomeni di cambiamento demografico e dell'esaurimento delle finanze pubbliche il compito d'istruzione dello Stato è sempre più soggetto ad istanze di economicizzazione.

La vicinanza della propria residenza rispetto agli istituti scolastici e la qualità dell'istruzione pubblica, in riferimento sia ai luoghi di studio che alla didattica, rischiano di diventare sempre più elementi di poco valore a fronte del cronico pauperismo delle casse dell'Erario e a fronte di un numero di studenti in continua diminuzione, soprattutto nelle zone periferiche di campagna delle città.

Su questo sfondo il progetto di tesi si propone di esaminare, in chiave comparata tra l'ordinamento tedesco e italiano, da un lato le norme costituzionali e fondative dell'istruzione pubblica, dall'altro la portata dei diritti genitoriali nei confronti del minore.

Come apprezzabile da uno sguardo critico volto all'ordinamento giuridico italiano, infatti, l'istruzione del minore sotto l'organizzazione e la responsabilità dei genitori risulta essere una valida e sempre attuale variante all'offerta dell'istruzione pubblica statale, proprio considerando il decremento di attrattività intellettuale di quest'ultima negli ultimi decenni.

Attraverso questo sguardo critico d'impronta comparatistica, trascendente quindi i tratti di un unico diritto nazionale, il presente progetto di tesi di laurea, ultimato dalla signorina Grünfelder in Italia alla fine dell'anno 2014 anche grazie alla supervisione dell'avvocato Fuesser, rappresenta sicuramente una lettura incentivante, in grado di prestare numerosi spunti di riflessione a tutti coloro i quali si confrontano con attenzione scientifica sulla politica scolastica del Libero Stato di Sassonia.

Il risultato di tale studio, in lingua tedesca, si trova qui: